“Non c’è bisogno di star male, per voler star meglio”.
Eric Berne

Modello proposto dallo psichiatra e psicoterapeuta statunitense Eric Berne (1910-1970).

Caratteristico di questo approccio è l’accento sull’individuo osservato nella concretezza delle dinamiche relazionali e delle strategie comunicative messe in atto nelle relazioni interpersonali (transazioni).

Proprio a partire dall’osservazione delle transazioni è possibile evidenziare gli aspetti e i tratti distintivi della personalità (stati dell’io), così come le risposte adattative messe in atto nella prima infanzia, condensate in progetti ancora attivi e condizionanti il presente (copioni).

In questa ottica scopo del percorso evolutivo diventa quello di riconoscere i copioni cercando di trasformarne gli aspetti disfunzionali e al tempo stesso riconoscere quelli funzionali.